Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Giurisprudenza
GIURISPRUDENZA
Insegnamento
DIRITTO TRIBUTARIO
GI07102079, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2014/15

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
GIURISPRUDENZA (Ord. 2014)
GI0270, ordinamento 2014/15, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum GENERICO - SEDE DI TREVISO [999TV]
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese TAX LAW
Sito della struttura didattica http://www.giurisprudenza.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede TREVISO
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di GIURISPRUDENZA (Ord. 2014)

Docenti
Responsabile MAURO TRIVELLIN IUS/12

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINI O INTEGRATIVE D.M.270/04 Attività formative in ambiti disciplinari affini o integrativi a quelli di base e caratterizzanti, anche con riguardo alle culture di contesto e alla formazione interdisciplinare IUS/12 3.0
CARATTERIZZANTE Economico e pubblicistico IUS/12 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso IV Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 72 153.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
10 A.A. 2017/18 sede di Treviso 02/10/2017 30/09/2018 TRIVELLIN MAURO (Presidente)
FEDETTO SEBASTIANO (Membro Effettivo)
POLI ALESSANDRO (Membro Effettivo)
FUCILE SANDRO (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: E' necessario, per una buona comprensione di importanti aspetti della materia, possedere le nozioni di base in tema di impresa e società, di procedimento e atti amministrativi, nonché sui principi di tutela giurisdizionale, giacché vari istituti trattati nel corso li presuppongono. A lezione sono fornite le indicazioni necessarie.
Si consiglia comunque di accostarsi allo studio della materia solo dopo aver superato almeno l'esame di Istituzioni di diritto pubblico e dopo avere acquisito le nozioni presupposte di diritto privato.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Scopo del corso è di fornire un'approfondita conoscenza di una serie di temi di fondamentale importanza nella ricostruzione teorica e nell'applicazione pratica dei tributi. Più in particolare, l'obiettivo è di consentire l'acquisizione di una sensibilità specialistica verso le problematiche della tassazione delle attività economiche, ad un tempo inquadrando le stesse nell'ambito dei principi fondamentali della Costituzione ed offrendo gli strumenti di base necessari ad acquisire consapevolezza delle principali questioni fiscali che interessano l'impresa nel mercato nazionale ed in quelli internazionali. Si affronteranno così specificamente le tematiche che riguardano le relazioni commerciali nell'economia globalizzata, i processi di delocalizzazione, le riorganizzazioni degli assetti dei gruppi multinazionali, le operazioni straordinarie.
Ampio spazio sarà, dunque, dedicato alla pratica forense, con lezioni su casi concreti. Con lo stesso approccio metodologico sarà approfondita la disciplina essenziale dell’Iva
Le lezioni avranno l'obiettivo di garantire un'attenta e contante ricognizione dei principali orientamenti
giurisprudenziali e dottrinali, in modo da arricchire con spunti critici l'approccio istituzionale.
Rilevante impegno sarà inoltre dedicato all'analisi dei principi e degli atti delle procedure tributarie e del processo.
Quando possibile sarà promossa l'organizzazione di seminari con docenti stranieri per arricchire l'approccio comparatistico e la competenza internazionalistica.
L'obiettivo è quello di fornire allo studente gli strumenti metodologici, la sensibilità sistematica e la consapevolezza pratica necessari ad avvicinarsi professionalmente alla materia, operando come fiscalista esperto sia all'interno che a supporto delle imprese.
Modalita' di esame: L'esame è, a scelta dello studente, scritto oppure orale
Criteri di valutazione: Nella valutazione delle prove d'esame si terrà conto in modo particolare dell'acquisita sensibilità sistematica verso la materia e della capacità di operare con i principi fondamentali della parte generale e speciale. Ciò in quanto il dititto tributario, ricco, complesso ed in costante evoluzione richiede l'attitudine ad inquadrare le singole regole in una più ampia prospettiva che valorizzi ratio e finalità degli istituti.
Contenuti: - regole fondamentali su produzione ed applicazione delle norme tributarie, procedimento di accertamento, attività di indagine, processo;
- regole fondamentali sulla tassazione del reddito e
principi cardine dell'imposta sul valore aggiunto.
- approfondimento della fiscalità dell'impresa nella prospettiva nazionale, transnazionale e comunitaria, con analisi delle evoluzioni del quadro internazionale e dei rapporti con l'autorità amministrativa, sottolineando il passaggio da un modello di contrapposizione pubblico-privato ad un modello di cooperazione, assistenza, compliance, che si riflette anche nell'interpretazione e nell'applicazione degli istituti giuridici.
Tra gli argomenti di Parte generale saranno trattati: principi costituzionali, dichiarazione, procedure ed atti di accertamento,soggettività passiva,tutela giurisdizionale.
Tra gli argomenti di Parte speciale: linee generali dell'imposizione sui redditi; reddito d’impresa, anche nella prospettiva transnazionale e comunitaria, operazioni straordinarie d'impresa, linee generali del sistema dell’iva.
In via indicativa si segnalano le parti del volume di G. Falsitta, Corso istituzionale di Diritto tributario, Padova, ult. ed. da studiare e da leggere
CAP. II
LE ENTRATE COATTIVE DEGLI ENTI PUBBLICI E IL CONCETTO DI TRIBUTO: lettura
CAP. III
LE NORME TRIBUTARIE
§§ 6., 7, 8, 10, 11, 12
CAP. IV
TIPOLOGIA E TECNICA DI PRODUZIONE DELLE NORME TRIBUTARIE.
LE NORME NEL TEMPO: § 1-5 lettura; studio del resto
CAP. V
LA NORMA TRIBUTARIA NELLO SPAZIO
CAP. VI
I PRINCIPI COSTITUZIONALI
SEZ. I - LA RISERVA RELATIVA DI LEGGE IN MATERIA DI PRESTAZIONI
IMPOSTE
SEZ. II - IL PRINCIPIO DI CAPACITA` CONTRIBUTIVA
CAPITOLO VII
L’INTERPRETAZIONE DELLA NORMA TRIBUTARIA: solo lettura
CAP. VIII
SIMULAZIONE, INTERPRETAZIONE ANTIELUSIVA, ABUSO DEL DIRITTO
CAP. IX
IL PRESUPPOSTO DELL’IMPOSTA E L’ALIQUOTA
CAP. X
I SOGGETTI PASSIVI DEL TRIBUTO
CAP. XI
GLI EFFETTI
§§ 1,.2,3,4
CAP. XII:lettura
CAP. XIII
SOGGETTI E ORGANI DELL’APPLICAZIONE:lettura
CAP. XIV
LE POTESTA` DI APPLICAZIONE DELLA NORMA TRIBUTARIA
E LA POTESTA` DI INDIRIZZO
CAP. XV
LA FATTISPECIE DELL’IMPOSIZIONE
(O DELL’«ACCERTAMENTO» DELL’IMPOSTA)
SEZ. I - CARATTERI GENERALI DELL’ATTIVITA` DI IMPOSIZIONE
SEZ. II - LA DICHIARAZIONE TRIBUTARIA (O AUTOIMPOSIZIONE)
SEZ. III - L’AVVISO DI ACCERTAMENTO (O DI IMPOSIZIONE) OFFICIOSO
SEZ. IV - ALTRI TIPI DI ATTI DI IMPOSIZIONE OFFICIOSA : lettura
CAP. XVI
I METODI DI DETERMINAZIONE DELL’IMPONIBILE
CAP. XVII
LA RISCOSSIONE DELLE IMPOSTE
SEZ. I - PROFILI GENERALI DEL SISTEMA E PROPOSTE DI RIFORMA .
§§ 1,2,3,4,5
SEZ. II - L’ADEMPIMENTO SPONTANEO
§§ 1,2,3,4,5,6
CAP. XVIII
IL RIMBORSO DELL’IMPOSTA
§§ 1,2,3,4
CAP. XIX
GLI ATTI DI ACQUISIZIONE E L’EFFICACIA DELLE PROVE
SEZ. I - LA POTESTA` DI POLIZIA TRIBUTARIA
SEZ. II - IL SISTEMA DELLE PROVE FISCALI
CAP. XX
LE SANZIONI FISCALI
SEZ. I - LE SANZIONI AMMINISTRATIVE
§§ 1,2,3,4,5,6,7,8
SEZ. II - LE SANZIONI PENALI
§§ 1,2,3,
CAP. XXI
LA GIURISDIZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA
CAP. XXII
I LINEAMENTI GENERALI E LE RECENTI RIFORME
DEL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUL REDDITO
Solo lettura: § 1.
Studio § 2.
lettura: § 3.
Studio § 4
lettura:§ 5.
lettura: § 6.
lettura: § 8.
lettura: § 9.
lettura: § 11.
Studio § 15.
Studio §17.
CAP. XXIII
L’IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE
CAP. XXIV
L’IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETA `
CAP. XXV
LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO D’IMPRESA
SEZ. I - PROFILI GENERALI E SINGOLI COMPONENTI DEL REDDITO
§§ 1-14; 15 lettura; 16-18; 19-20 lettura; 22; 23 lettura; 25
Sez. II;
CAP. XXVI L’IVA: §1-15
CAP XXVII, Sez. I; CAP XXXII e XXXIII: lettura
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Sono previste lezioni frontali e seminari specialistici di approfondimento su aspetti teorici e su casi pratici.
Si presenteranno all'attenzione degli studenti specifiche controversie, con discussione del contenuto degli atti impositivi, di quelli difensivi e delle relative decisioni giurisdizionali, con lo scopo di trarre dalla fattispecie concreta una più consapevole comprensione delle regole e dei principi oggetto di studio.
Ove possibile si avrà cura di aprire il corso alla partecipazione di docenti stranieri, per arricchire la prospettiva comparatistica e favorire la percezione delle linee fondamentali che informano i sistemi fiscali moderni, in un contesto globalizzato.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I manuali indicati come testi di studio sono inseriti a titolo esemplificativo. Ferma restando la necessità di approfondire e conoscere gli argomenti del programma, lo studente potrà utilizzare anche altri manuali istituzionali o testi specialistici.
Si consiglia vivamente di frequentare le lezioni per poter cogliere le questioni essenziali ed i principi guida nella comprensione della materia.

È importantissimo l'impiego nello studio di una raccolta aggiornata di leggi tributarie, per es.:
Beghin-Schiavolin, Codice tributario, Giuffrè,
ult. ed.
Testi di riferimento:
  • G. Falsitta, Corso istituzionale di diritto tributario. Padova: Cedam, --. Cerca nel catalogo
  • M. Beghin, Diritto tributario. Padova: Cedam, --. Cerca nel catalogo
  • P. Russo, Manuale di diritto tributario, Voll. I, II, III. Milano: Giuffre, --. Cerca nel catalogo
  • F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario, Parte generale e Parte speciale. Torino: Utet, --. Cerca nel catalogo