Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
MEDICINA E CHIRURGIA
Insegnamento
CHIRURGIA VASCOLARE (MOD. SMC 1) (Logistica Treviso)
MEP4068227, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2014/15

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 6 anni in
MEDICINA E CHIRURGIA (Ord. 2009)
ME1729, ordinamento 2009/10, A.A. 2017/18
Sf0102
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 1.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese VASCULAR SURGERY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina (DIMED)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile MICHELE ANTONELLO MED/22

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
MEP4068226 SPECIALITA' MEDICO-CHIRURGICHE 1 (C.I.) VITTORIO PENGO

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
MEP4068227 CHIRURGIA VASCOLARE (MOD. SMC 1) (Logistica Treviso) MICHELE ANTONELLO ME1726

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Clinica delle specialità medico-chirurgiche MED/22 1.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso IV Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
ATTIVITÀ DIDATTICHE A PICCOLI GRUPPI 0.0 4 0.0
LEZIONE 1.0 8 17.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2015

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: Prerequisiti
Gli studenti devono aver sostenuto gli esami del primo triennio, la fisiopatologia e aver terminato il corso di Metodologia.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il progetto didattico che anima il corso è basato sull’esigenza di affrontare l’insegnamento delle malattie cardiovascolari e polmonari in modo integrato. Nello studio di queste patologie che, secondo le stime dell’OMS, rappresentano oggi e rappresenteranno nel prossimo futuro, le maggiori cause di morbilità e mortalità nel mondo occidentale ed il principale onere per i sistemi sanitari, l’interdisiplinarietà medico- chirurgica è diventata ormai una via obbligata. Nell’ultimo decennio, vi è stato un notevole avanzamento delle conoscenze e delle tecnologie nel campo delle malattie cardiovascolari e polmonari e spesso questi progressi hanno coinvolto in maniera competitiva l’attività medica e quella chirurgica con la ricerca di tecniche messe appunto dal clinico e dal chirurgo aventi lo stesso obiettivo finale. L’interdisciplinarietà medico-chirurgica nell’ambito delle malattie cardiovascolari e polmonari è diventata una via obbligata anche in considerazione della diffusione di nuove tecnologie e della loro scelta applicativa. Il corso integrato di Specialità medico chirurgiche III attraverso l’integrazione di insegnamenti di diversi settori scientifico disciplinari delle aree clinica, chirurgica dei servizi, si propone di realizzare l’insegnamento integrato delle malattie di cuore, polmoni e vasi.
I principali obiettivi formativi sono:
Mettere gli studenti in condizione di conoscere i quadri clinici, laboratoristici ed anatomo-patologici delle più frequenti malattie del cuore, del polmone e dei vasi di interesse non strettamente specialistico e di comprenderne i meccanismi fisiopatologici.
Saper riconoscere al letto del malato le malattie di cuore, del polmone e dei vasi e saperne cogliere le possibilità di trattamento medico e chirurgico.

In particolare, al termine del corso lo studente deve essere in grado di:
­ Conoscere i meccanismi fondamentali e riconoscere i principali quadri clinici, anatomo – patologici e strumentali di insufficienza cardiaca, cardiopatia ischemica, valvulopatie e malattie vascolari periferiche arteriose e venose, insufficienza respiratoria acuta e cronica, neoplasie del polmone, infezioni polmonari, asma e bronco pneumopatie croniche ostruttive.
­ Conoscere il corretto impiego delle tecniche diagnostiche invasive e non invasive necessarie a stabilire una diagnosi corretta ed una valutazione del paziente che consenta di decidere il trattamento più adeguato (terapia medica, interventistica o chirurgica).
­ Conoscere i principali tipi di intervento chirurgico nelle patologie sopra descritte e le problematiche relative agli specifici interventi chirurgici.
Prerequisiti
Gli studenti devono aver sostenuto gli esami del primo triennio, la fisiopatologia e aver terminato il corso di Metodologia.
Modalita' di esame: Prova orale che verterà su tutte le discipline del corso integrato.
Criteri di valutazione: Conoscenze e capacità di applicazione di tali conoscenze nell'ambito clinico

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: Le basi fisiopatologiche delle patologie arteriose: l'arteriosclerosi e le sue manifestazioni steno-obliterative e dilatative.
L'approccio chirurgico alle malattie arteriose: clinica e semiologia vascolare, principi di chirurgia arteriosa ricostruttiva, principi di chirurgia Endovascolare
Le arteriopatie periferiche: arteriopatia obliterante degli arti inferiori, fisiopatologia e clinica. Le indicazioni assolute alla rivascolarizzazione periferica: sulla base della sintomatologia e sulla base della storia naturale della patologia. Le patologie ad evoluzione maligna: la trombosi ascendente dell'aorta addominale. Le indicazioni chirurgiche di lusso. Soluzioni chirurgiche convenzionali ed endovascolari.
L'Ischemia acuta degli arti inferiori. Basi fisiopatologiche e storia naturale. Soluzioni terapeuriche: tomboembolectomia
L'Ischemia cerebro-vascolare: la patologia steno-obliterativa dei tronchi sopra aortici. Clinica, diagnosi e terapia delle stenosi carotidee. Indicazioni e controindicazioni alla rivascolarizzazione carotidea. Tecniche chirurgiche convenzionali ed Endovascolari: l’endoarteriectomia carotidea e lo stenting carotideo. Il furto di succlavia.
Patologia aneurismatica dell’aorta: aneurismi dell'aorta toracica, toraco-addominale e addominale. Clinica e diagnosi. Indicazioni chirurgiche e soluzioni terapeutiche. Il trattamento chirurgico convenzionale ed endovascolare Le endoprotesi aortiche. Le soluzioni endovascolari nei casi di coinvolgiemento delle arterie viscerali: endoprotesi fenestrate e tecnica chimney. I rischi della chirurgia aperta dell’aorta toraco addominale e le soluzioni per la prevenzione del sovraccarico venticolare, dell’ischemia spinale e viscerale.
La patologia dissecativa dell'aorta: dissezioni di tipo A e B. Dissezioni acute complicate e non complicate. I concetti di malperfusione statica e dinamica. Le dissezioni croniche. Il trattamento chirurgico ele soluzioni terapeutiche endovascolari. Il trattamento conservativo.
Patologia delle arterie viscerali e periferiche . Aneurismi viscerali e patologie obliterative: ischemia mesenterica ed angina abdominis. Indicazioni alla rivascolarizzazione delle arterie viscerali, le soluzioni tecniche convenzionali ed endovascolari. Gli aeurismi poplitei: storia naturale ed indicazioni chirurgiche. Il trattamento convenzionale e l’esclusione endovascolare mediante stent coperti.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso prevede lezioni frontali e teorico/pratiche, attraverso le quali lo studente sarà in grado di acquisire una serie di nozioni e capacità attraverso le quali sarà in grado di gestire correttamente le maggiori urgenze in chirurgia vascolare.
La parte pratica prevede l'acquisizione di capacità base di eseguire una diagnostica vascolare mirata a determinare la presenza di patologie urgenti.
Le lezioni frontali prevedono inoltre la discussione collegiale di casi clinici.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:
  • SERGIO DALLA VOLTA, MALATTIE DEL CUORE E DEI VASI. --: McGRAW-HILL, --. 3^ EDIZIONE Cerca nel catalogo