Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
STORIA
Insegnamento
STORIA DELLA FILOSOFIA
LEL1005690, A.A. 2014/15

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2014/15

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
STORIA
LE0600, ordinamento 2012/13, A.A. 2014/15
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF PHILOSOPHY
Sito della struttura didattica http://didattica.unipd.it/offerta/2014/SU/LE0600/2012
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell'Antichità (DISSGeA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile GREGORIO PIAIA

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
SFN1027627 STORIA DELLA FILOSOFIA GREGORIO PIAIA LE1855
LEL1005690 STORIA DELLA FILOSOFIA GREGORIO PIAIA LE0599
LEL1005690 STORIA DELLA FILOSOFIA GREGORIO PIAIA LE0599

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline filosofiche, pedagogiche, psicologiche e storico-religiose M-FIL/06 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2015
Fine attività didattiche 12/06/2015
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2016

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
3 Commissione 2015/16 01/10/2015 30/11/2016 PIAIA GREGORIO (Presidente)
D'ALBERTO FRANCESCA (Membro Effettivo)
FORLIVESI MARCO (Supplente)
MICHELI GIUSEPPE (Supplente)
2 Commissione 2014/15 01/10/2014 30/09/2015 PIAIA GREGORIO (Presidente)
D'ALBERTO FRANCESCA (Membro Effettivo)
FORLIVESI MARCO (Supplente)
MICHELI GIUSEPPE (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Cultura di base, quale è offerta (o dovrebbe essere offerta) dalla Scuola Media Superiore.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Conoscenza di figure e momenti significativi nella storia del pensiero.
Sviluppo della capacità di connessioni interdisciplinari, in una prospettiva di storia globale della cultura.
Modalita' di esame: Prova scritta di accertamento a metà corso (non obbligatoria e comunque riservata ai frequentanti): 10 domande, 5 righe per ogni risposta, così si evitano parole inutili.
Prova orale sulla seconda parte del corso. Gli studenti che non hanno potuto sostenere la prova scritta o che non l'hanno superata portano all'esame orale l'intero programma.
Criteri di valutazione: Conoscenza adeguata dei contenuti del corso.
Capacità espositiva.
Capacità di analisi critica dei concetti.
Contenuti: Tema del corso: "Il filosofo di fronte alla morte: dalla 'meditatio mortis' (F. Petrarca) alla lotta contro la pena di morte (G. Pelli e C. Beccaria)".
Nella ricorrenza del 250° anniversario della pubblicazione della celebre opera "Dei delitti e delle pene", il corso si propone di analizzare due atteggiamenti particolarmente emblematici che gli intellettuali hanno assunto nei confronti della morte: a) la ripresa in Francesco Petrarca, con accenti assai moderni, del tema classico della "meditazione sulla morte", in una dimensione eminentemente psicologica e spirituale; b) la riflessione etico-giuridica sulla validità e liceità della pena di morte nell'Illuminismo italiano, con riferimento a Cesare Beccaria ma anche al "discorso" di Giuseppe Pelli contro la pena capitale.
La trattazione di questi autori sarà preceduta da un adeguato inquadramento storico-culturale, vertente sulla genesi e sugli sviluppi del pensiero dell'Umanesimo e dell'Illuminismo. In tale contesto verrà messo particolarmente a fuoco l'atteggiamento verso la morte assunto da autori come Thomas More, Erasmo da Rotterdam e Jacob Brucker.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali di inquadramento storico-culturale e di analisi dei testi.
Attività facoltative: elaborazione di un "paper" e/o relazioni seminariali (singole o di piccolo gruppo) su temi attinenti al corso.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Ai fini di un inquadramento generale è opportuno utilizzare un qualsiasi manuale di storia della filosofia (in particolare le sezioni sull'Umanesimo e sull'Illuminismo). Questa raccomandazione diventa un obbligo per gli studenti che non possono frequentare regolarmente.
Testi di riferimento:
  • F. PETRARCA, Il mio segreto. Milano: Rizzoli BUR, 2002. Oppure ed. Mursia, Milano 2005 Cerca nel catalogo
  • G. PELLI, Contro la pena di morte, a cura di Ph. Audegean. Padova: CLEUP, 2014.
  • C. BECCARIA, De' delitti e delle pene. Roma: Armando, 1998. Il testo è anche disponibile in più riproduzioni in Internet. Cerca nel catalogo
  • G. PIAIA, Il "morosofo" e la morte. In margine al "Funus" erasmiano. --: --, --. Questo articolo sarà reso disponibile on line Cerca nel catalogo
  • G. PIAIA, I volti della vita in Tommaso Moro. --: --, --. Questo articolo sarà reso disponibile on line
  • G. PIAIA, Jacob Brucker, o la "morte sul campo" di un filosofo erudito. --: --, --. Questo articolo sarà reso disponibile on line