Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Giurisprudenza
CONSULENTE DEL LAVORO
Insegnamento
DIRITTO DEL LAVORO (AVANZATO) (MOD. A)
GIP4068169, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2015/16

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
CONSULENTE DEL LAVORO
GI0269, ordinamento 2008/09, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese LABOUR LAW (ADVANCED) (MOD. A)
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Privato e Critica del Diritto (DDPCD)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/giurisprudenza/course/view.php?idnumber=2017-GI0269-000ZZ-2015-GIP4068169-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile ELENA PASQUALETTO IUS/07

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
GIP4068168 DIRITTO DEL LAVORO (AVANZATO) E DIRITTO SINDACALE (C.I.) ELENA PASQUALETTO

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE giurisprudenza IUS/07 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Annuale
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 72 153.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/09/2017
Fine attività didattiche 01/06/2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: E' propedeutico l'esame di Diritto del lavoro.
Lo studente dovrà possedere il corredo di nozioni di base oggetto dell'insegnamento di Diritto del lavoro e di quello di Istituzioni di diritto privato, con particolare riguardo agli istituti dell'obbligazione e del contratto
Conoscenze e abilita' da acquisire: Al termine del corso gli studenti dovranno possedere gli strumenti metodologici e le nozioni necessarie per individuare, reperire, comprendere, interpretare ed applicare l'insieme delle fonti (leggi, contratti collettivi, circolari e prassi amministrative, giurisprudenza) relative alle materie oggetto di entrambe le parti del corso integrato, acquisendo in particolare la capacità di mettere in relazione i diversi istituti trattati, secondo la direttrice di un continuo e proficuo confronto tra discipline diverse ma interconnesse. Gli studenti dovranno inoltre essere in grado di risolvere "casi" più o meno complessi di diritto del lavoro e di diritto sindacale, nonché di fornire consulenze a lavoratori, imprese, enti pubblici ed anche interlocutori non specialisti su questioni dubbie, dimostrando un approccio professionale al loro futuro lavoro. Dovranno inoltre acquisire capacità di apprendimento tali da affrontare con successo gli ulteriori esami richiesti per l’esercizio della professione di consulente del lavoro.
Modalita' di esame: L'esame è orale. Esso consiste in un colloquio che dovrà essere sostenuto separatamente per entrambe le materie oggetto del corso integrato, con verbalizzazione in sede di perfezionamento della prova complessiva.
Nel corso dell’esame allo studente verranno sottoposte alcune domande generali, relative agli istituti fondamentali oggetto dell’insegnamento, oltre ad alcuni quesiti più specifici. Allo studente potrà anche essere richiesto di impostare la risoluzione di un caso pratico, oppure di inquadrare, interpretare e/o commentare testi di contratti collettivi, circolari o sentenze.
Lo studente che abbia sostenuto con esito positivo la verifica relativa a una delle due materie deve sostenere la prova relativa all'altra entro il termine di decadenza di un anno solare dalla data della prima verifica.
Criteri di valutazione: La valutazione dell'esito dell'esame terrà conto della conoscenza delle nozioni fondamentali della materia, della capacità dello studente di mettere in relazione istituti diversi e di qualificare fattispecie concrete relative a casi più o meno complessi che la pratica presenta. Rileveranno inoltre l'abilità nella comunicazione delle informazioni apprese e nella risoluzione dei casi presentati, oltre alla capacità di argomentazione circa la soluzione prescelta.

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: Prima parte:
a) Le tipologie dei contratti di lavoro: lavoro autonomo e subordinato, collaborazioni coordinate e continuative, collaborazioni etero-organizzate, lavoro a termine, somministrazione di lavoro, lavoro a tempo parziale, lavoro intermittente, lavoro occasionale, apprendistato, lavoro agile
Seconda parte:
b) Inquadramento sistematico della disciplina dei licenziamenti individuali: il recesso in generale; il regime del licenziamento nel codice civile; la regola di giustificazione necessaria; i divieti di licenziamento; le procedure per l’intimazione del licenziamento; la tipologia delle tutele in caso di illegittimità del licenziamento, anche con riguardo alla disciplina delle tutele crescenti (d.lgs. n. 23/2015).
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: L’insegnamento viene erogato attraverso lezioni frontali, con proiezione in aula del materiale didattico di supporto (testi normativi, giurisprudenza, circolari, contratti collettivi, casi). Gli studenti saranno coinvolti nella discussione in aula di alcuni casi e sarà in ogni caso sollecitata la loro partecipazione attiva, attraverso domande. Gli studenti saranno anche invitati a riferire sulle loro esperienze personali (impiego mediante contratti flessibili).
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I testi relativi alla prima parte del corso (sulle tipologie dei contratti di lavoro) sono scaricabili da moodle, tra i materiali didattici. Anche il materiale didattico di supporto, utilizzato dal docente a lezione, verrà messo a disposizione degli studenti mediante l’inserimento in moodle. E' in ogni caso condizione essenziale per la preparazione dell’esame la consultazione diretta di fonti normative aggiornate.
Gli studenti degli anni precedenti dovranno aggiornare i programmi con le modifiche della disciplina dei licenziamenti introdotte dalla legge n. 92/2012 e dal d. lgs. n. 23/2015 e con le novità in tema di tipologie di contratti di lavoro di cui al d.lgs. 81/2015, alla l. n. 81/2017 e all’art. 54-bis del d.l. n. 50/2017.
Testi di riferimento:
  • F. Carinci (a cura di), Commento al d.lgs. 15 giugno 2015, n. 81: le tipologie contrattuali e lo jus variandi. --: Adapt University Press, 2015. Il testo è scaricabile da moodle, e vanno studiate le pagine: da 4 a 27; da 98 a 227.
  • V. Pinto, Prestazioni occasionali e modalità agevolate di impiego tra passato e futuro. --: In WP C.S.D.L.E. “Massimo D’Antona”.IT – 343/2017, 2017. Il saggio è scaricabile da moodle
  • S. Fagnoni, P.A. Varesi, I contratti di apprendistato e la loro ulteriore differenziazione (art. 41-47, d.lgs. n. 81/2015 e art. 32, d.lgs. n. 159/2015). Torino: Giappichelli, 2016. Il saggio è scaricabile da moodle. Vanno studiate le pagine da 185 a 230
  • D. Iodice, R. Colombani, Il lavoro agile nella legge n. 81/2017. www.bollettinoadapt.it: Adapt University Press, 2017. Il saggio è scaricabile da moodle
  • E. Ghera, D. Garofalo (a cura di), Le tutele per i licenziamenti e per la disoccupazione volontaria nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci, 2015. Vanno studiate le pag. da 87 a 152 e da 185 a 215 Cerca nel catalogo