Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)
Insegnamento
PREVENZIONE, VERIFICA E CONTROLLO DELL'AMBIENTE E PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI
MEP3053042, A.A. 2016/17

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2015/16

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)
ME1861, ordinamento 2012/13, A.A. 2016/17
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum GENERICO - SEDE DI PADOVA [999PD]
Crediti formativi 7.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PREVENTION, ENVIRONMENT MONITORING AND CONTROL AND PREVENTION OF ACCIDENTS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Cardio-Toraco-Vascolari e Sanità Pubblica
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)

Docenti
Responsabile ANTONELLA PANIZZOLO
Altri docenti MIRKA GRIGOLETTO 000000000000

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
BASE Primo soccorso MED/41 3.0
CARATTERIZZANTE Scienze della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro MED/50 4.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 7.0 70 105.0

Calendario
Inizio attività didattiche 27/02/2017
Fine attività didattiche 09/06/2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
11 Commissione 2017/18 Feltre 02/10/2017 30/04/2019 SELLE DAMARIS (Presidente)
DAL PONT MARCO (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)
9 Commissione 2016/17 Feltre 01/10/2016 30/04/2018 SELLE DAMARIS (Presidente)
DAL PONT MARCO (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)
6 Commissione 2015/16 Feltre 01/10/2015 30/04/2017 SELLE DAMARIS (Presidente)
DAL PONT MARCO (Membro Effettivo)
BARTOLUCCI GIOVANNI BATTISTA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Prevenzione degli infortuni:
Conoscenza di base di statistica e su infortuni ed incidenti domestici

Prevenzione, verifica e controllo dell'ambiente:
Nozioni base di chimica
Conoscenze e abilita' da acquisire: Prevenzione degli infortuni:
Capacità di effettuare un'analisi sull'evento accaduto;
Conoscere i principi alla base del fenomeno infortunistico;
Saper analizzare le cause di infortunio.

Prevenzione, verifica e controllo dell'ambiente:
Conoscere l'organizzazione di ARPAV e le attività ad essa affidate;
Conoscere i principali aspetti legislativi relativi alla tutela dell'ambiente definiti dal D.Lgs. 152/06;
Apprendere le corrette modalità di ispezione per le diverse tipologie di intervento e matrice;
Apprendere le modalità di verifica adempimenti amministrativi a cui sono soggette le aziende.
Modalita' di esame: Prevenzione degli infortuni:
Metodi di analisi del fenomeno infortunistico;
Prova scritta con domande aperte e chiuse;
Nella prova finale sono ammessi strumenti muti come testi, dispense, appunti personali.

Prevenzione, verifica e controllo dell'ambiente:
Prova scritta con domande aperte e chiuse
Criteri di valutazione: Prevenzione degli infortuni:
Capacità di discriminare gli infortuni sul lavoro dagli infortuni in itinere e dagli incidenti/infortuni domestici

Prevenzione, verifica e controllo dell'ambiente:
Capacità di lettura di un'autorizzazione ambientale al fine di eseguire correttamente un'ispezione.
Contenuti: Prevenzione degli infortuni:
Metodi di analisi del fenomeno infortunistico;
Uso dei dati per la prevenzione;
Definizione di infortunio sul lavoro;
Limiti della definizione di carattere assicurativo;
Fonti informative;
Norma UNI7249 indicatori di incidenza e gravità;
Criticità nell’interpretazione degli indicatori;
Modelli di analisi del fenomeno infortunistico;
Evoluzione storica;
Il modello sbagliando s’impara;
Il progetto INAIL – SGS;
Aggiornamento sui dati infortunistici nazionali e regionali;
Analisi di efficacia su casi reali accaduti;
Interventi effettuati in seguito all’evento infortunistico;
Scelta del metodo di valutazione ed analisi del caso;
Considerazioni etiche;
Presentazione di eventi storici di infortunio sul lavoro;
Predisposizione di liste di controllo relative alle singole; attrezzature di lavoro;
Check list per l’osservazione di comportamet;
Valutazione dell’efficacia degli interventi adottati;
Metodi di registrazione degli eventi infortunistici;
Metodi di registrazione degli infortuni mancati;

Prevenzione, verifica e controllo dell'ambiente:
evoluzione del diritto dell’ambiente, istituzioni e competenze per la tutela dell’ambiente;
Molestie olfattive come sono regolamentate e quali sono le azioni di ARPAV;
Gli strumenti utilizzati per i campionamenti;
Il D.Lgs. 152/06 come è costituito;
Inquinamento atmosferico, normativa, sistemi di depurazione e campionamenti;
Inquinamento idrico, normativa, sistemi di depurazione e campionamenti;
inquinamento e difesa del suolo, normativa, sistemi di bonifica e campionamenti;
gestione dei rifiuti, normativa;
impianti di incenerimento e coincenerimento dei rifiuti;
strumenti per la tutela dell’ambiente;
piani e programmi ambientali;
valutazione d’impatto ambientale;
autorizzazione ambientale integrata;
I reati ambientali Legge 68/15.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Prevenzione degli infortuni:
Lezioni frontali con proiezioni di slide per gli aspetti teorici e le dimostrazioni in aula degli argomenti trattati;
Applicazione di aspetti teorici tramite esempi pratici;
Discussione di casi accaduti di infortunio;
Analisi di casi accaduti di incidente;
Esercizi presentati collettivamente ;
Studio individuale dello studente;
Lavori di gruppo su infortuni nei diversi ambienti di lavoro.

Prevenzione, verifica e controllo dell'ambiente:
Lezioni frontali con proiezioni di slide;
Applicazione di aspetti teorici tramite esempi pratici;
Visita ad un impianto per visionare l'applicazione pratica degli argomenti trattati.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Prevenzione degli infortuni:
Materiale didattico presentato in aula;
Metodi di analisi del fenomeno infortunistico;
Modelli e metodi per l’analisi degli infortuni sul lavoro.
Normativa in vigore D.Lgs. 81/08, direttiva macchine, diritto penale, diritto amministrativo.
Rapporti annuali INAIL
Studi INAIL sulle diverse casistiche di infortunio

Prevenzione, verifica e controllo dell'ambiente:
D.Lgs. 152/06 e s.m.i.;
Materiale didattico presentato in aula;
Linee guida ISPRA;
Testi di riferimento: