Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
Insegnamento
STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO
LE16108093, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
STORIA E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E MUSICALI
LE1855, ordinamento 2011/12, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF THEATRE AND PERFORMING ARTS
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile CRISTINA GRAZIOLI L-ART/05

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE16108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0606

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative L-ART/05 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019

Syllabus
Prerequisiti: Nessun prerequisito è richiesto, tranne l'interesse a conoscere il teatro in tutte le sue manifestazioni.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Le lezioni affronteranno motivi, problemi e autori del teatro europeo a partire dalla fine dell'Ottocento e fino all'età contemporanea, con riferimenti alle tradizioni precedenti. Ci si concentrerà sui movimenti di rinnovamento delle arti sceniche portando l'attenzione sui differenti fattori dell'evento teatrale, approfondendo il testo, le poetiche attoriche, la scenografia, l'illuminazione. Si isoleranno motivi che si prestano ad essere considerati tanto dal punto di vista scenico (e scenotecnico), quanto dal punto di vista teorico, tematico e metaforico, come per esempio l'ombra, la maschera o la marionetta. L’obiettivo è di fornire allo studente le conoscenze di base della materia e gli strumenti necessari a comprenderne la specificità e contemporaneamente le relazioni con gli altri territori artistici.
Pur partendo dalle drammaturgie e dalle poetiche, non si perderanno di vista le situazioni determinate dalle condizioni materiali e dall'avanzamento della tecnica. Nel corso delle lezioni saranno costanti i riferimenti alle pratiche del teatro contemporaneo, con analisi di documenti audiovisivi ma anche di spettacoli che gli studenti possano vedere in prima persona (quindi programmati nelle rassegne teatrali della città o di città facilmente raggiungibili). Si segnalano in particolare le stagioni e rassegne del Teatro Stabile del Veneto (Padova e Venezia), Teatro Comunale di Ferrara, Tam Teatromusica, Teatro comunale di Vicenza, Teatro Astra di Vicenza.
Lo studente sarà sollecitato a partecipare attivamente alle lezioni, esprimendo impressioni e osservazioni, al fine di acquisire capacità critica autonoma e padronanza del linguaggio specifico del settore.
Modalita' di esame: L'esame si svolgerà in forma orale con discussione di una o più delle tematiche affrontate durante le lezioni. Nello specifico lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito gli strumenti metodologici di base della disciplina (contestualizzazione storico-critica degli autori e dei fenomeni studiati, consapevolezza nell'analisi delle fonti utili alla comprensione dei fenomeni spettacolari). Per gli studenti frequentanti almeno una domanda verterà sul programma svolto a lezione.
Criteri di valutazione: Verrà valutata:
1) la conoscenza e la comprensione degli argomenti trattati nel corso (concezioni e pratiche del teatro);
2) la familiarità con la metodologia proposta
3) la capacità di applicare tali conoscenze in modo autonomo e consapevole
4) le abilità logico-argomentative, nonché la pertinenza delle risposte rispetto alle domande poste dal docente
5) la capacità di elaborare un proprio punto di vista critico, nonché la sua esposizione in modo pertinente e chiaro.
Contenuti: Scene, Figure, Figurale: interferenze tra la scena e le altre arti.
Il corso 2018/19 sarà incentrato sul motivo delle Figure, intese tanto dal punto di vista tematico e metaforico che come pratiche artistiche.
La parte propedeutica delle lezioni prenderà in esame alcuni nodi teorici e metodologici utili ad affrontare la disciplina: la nascita della Storia del Teatro, le fonti per la storia dello spettacolo (compresa l'iconografia e la documentazione audiovisiva), le prospettive di decodificazione del testo spettacolare.
Si procederà quindi affrontando alcuni esempi di autori e poetiche che hanno segnato una svolta decisiva nel mondo teatrale europeo negli ultimi due decenni dell'Ottocento e nei primi del Novecento. In particolare ci si concentrerà su poetiche collocabili tra Simbolismo ed Espressionismo, con un'attenzione specifica agli ambiti di lingua francese e di lingua tedesca, e sulle esperienze del Bauhaus. Il centenario della fondazione del Bauhaus (1919) sarà occasione di approfondimenti e di attività integrative specifiche.
Le poetiche trattate offriranno l'opportunità di stabilire dei collegamenti con alcuni esempi del teatro del secondo Novecento e delle pratiche contemporanee. Si sceglieranno infatti alcuni testi, temi o figure particolarmente fortunate o significative nel corso del Novecento e fino ai nostri giorni.
Le poetiche di autori simbolisti, tese al superamento dell’individualità, verranno messe a confronto con lo spettacolo dominato dalla grande personalità dell’attore di tradizione ottocentesca segnata dal sistema dei ruoli. Motivi conduttori saranno i rapporti con le arti figurative, le influenze dall'Oriente, il concetto di regia. Tra i vari procedimenti scenici, ci si soffermerà su alcune modalità di utilizzo della luce e in particolare sugli aspetti implicati dall'ombra.
L’ultima parte delle lezioni sarà concentrata su esempi di poetiche, drammi e allestimenti tratti dal teatro del Novecento e fino ai nostri giorni.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: All'inizio del corso si illustreranno alcuni concetti chiave e principi metodologici della disciplina. Si illustrerà il percorso delle lezioni tenendo conto della presenza a lezione di studenti provenienti da diversi corsi di studi e si cercherà di chiarire la terminologia specifica che verrà utilizzata; si terrà conto inoltre della presenza di studenti Erasmus.
Le lezioni saranno corredate da materiale iconografico e audiovisivo e si organizzeranno uscite per consentire la visione di spettacoli che abbiano attinenza con i temi trattati a lezione.
Si creeranno interazioni con i laboratori dei quali è responsabile docente.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: 1. La bibliografia d'esame e parte dei materiali presentati a lezione (estratti di saggi critici, bibliografia non facilmente reperibile, indicazioni di siti web utilizzati nel corso delle lezioni) saranno disponibili nella pagina Moodle del Corso.
2. Nella pagina Moodle verrano inoltre caricate segnalazioni di spettacoli, conferenze, incontri integrativi o consigliati in relazione agli argomenti trattati nel corso delle lezioni. 3. Si caricheranno in moodle anche la bibliografia per non frequentanti e indicazioni bibliografiche utili a chi volesse approfondire gli argomenti trattati.
Testi di riferimento:
  • Maurice Maeterlinck, La Principessa Maleine. PALERMO: Sellerio, 1994. compresa introduzione di R. Tessari Cerca nel catalogo
  • Rainer Maria Rilke, Scritti sul teatro. Genova: Costa & nolan, 1995. pp. 111-148 (Il teatro di Maeterlinck, Maurice Maeterlinck, Lettera ad una attrice) Cerca nel catalogo
  • Cristina Grazioli, "Un lento divenir paesaggio del mondo". Il corpo-paesaggio e la scena negli scritti di Rainer Maria Rilke. Padova: Il Poligrafo, 2014. CONTENUTO in La scena inospitale. Genere, natura polis, pp. 71-100
  • Cristina Grazioli, Kunst und Natur: Eleonora Duse a Berlino nel 1892 ; Paul Schlenther, Eugen Zabel, Richard Nathanson, Sulla Duse. --: --, 2015. «Acting Archives Review», n. 10, novembre 2015, pp. 125-206 (125-151 ; 152-206) - http://www.actingarchives.unior.it/Rivista/Indice.aspx
  • Roberto Tessari, Teatro e avanguardie storiche. Traiettorie dell’eresia. Bari: Laterza, 2005. Introduzione + 2 capitoli a scelta Cerca nel catalogo
  • R. Alonge, F. Perrelli, Storia del teatro e dello spettacolo. Torino: Utet, 2015. i capitoli: 1, 5, 9, 12 Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Mappe concettuali
  • organizzazione di visite a teatri e alla visione di spettacoli, con occasioni di discussione critica; incontri con artisti dello spettacolo.

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)
  • Kaltura (ripresa del desktop, caricamento di files su MyMedia Unipd)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Uguaglianza di genere Industria, innovazione e infrastrutture Ridurre le disuguaglianze