Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
TERAPIA OCCUPAZIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TERAPISTA OCCUPAZIONALE)
Insegnamento
TERAPIA OCCUPAZIONALE 1
MEO2045463, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
TERAPIA OCCUPAZIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TERAPISTA OCCUPAZIONALE)
ME1852, ordinamento 2012/13, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 7.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese OCCUPATIONAL THERAPY 1
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina Molecolare
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede CONEGLIANO (TV)
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di TERAPIA OCCUPAZIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TERAPISTA OCCUPAZIONALE)

Docenti
Responsabile MIRNA PIZZONI
Altri docenti LAURA CERIOTTI
ROSSELLA GHENSI

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Scienze della terapia occupazionale MED/48 7.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 7.0 70 105.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
6 Commissione 2018/19 01/10/2018 30/09/2019 PIZZONI MIRNA (Presidente)
CERIOTTI LAURA (Membro Effettivo)
GHENSI ROSSELLA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: 1) Protesiologia e Ortesiologia Speciale:
Conoscere l’anatomia e la fisiologia della mano.
Conoscere i principali quadri patologici rispetto alla patologia tendinea, nervosa periferica, malformativa e reumatica, e gli interventi chirurgici correlati.

2) TERAPIA OCCUPAZIONALE - integrazione
Conoscere almeno un modello teorico di terapia occupazionale.
Conoscere i principali quadri patologici nell’età adulta nell’ambito neurologico ed ortopedico

3) Metodi e Tecniche di Terapia Occupazionale in Geriatria
Conoscenze di geriatria/ psicogeriatria di base, elementi di psicologia, concetti teorici di base sulla t.o. (analisi di attività, valutazione etc..) e modelli.
Conoscenze e abilita' da acquisire: 1) Al termine del percorso gli studenti saranno in grado di:

- Valutare e differenziare i principali deficit presenti in una mano traumatizzata e non. Deficit neuromuscolari; articolari; malformativi.
- Definire l’ortesi più consona, dal punto di vista della tipologia e della funzione, relativa ad un determinato deficit.
- Riconoscere i materiali maggiormente utilizzati nella costruzione di un’ortesi.
- Definire l’intervento riabilitativo e i protocolli più adeguati nelle più frequenti patologie della mano.
- Costruzione di tre tipologie di ortesi:
-modulo base
-ortesi globale da riposo
-semplice ortesi dinamica

2) Al termine del percorso gli studenti saranno in grado di:
1. Spiegare un modello di processo della Terapia Occupazionale
2. Dichiarare qual’è il focus d’intervento della Terapia Occupazionale
3. Raccogliere informazioni rispetto al cliente
4. Analizzare la performance occupazionale
5. Analizzare l’ambiente
6. Definire l'ambiente secondo una prospettiva di T.O.
7. Fissare e stendere gli obiettivi di trattamento
8. Indicare gli elementi su cui può agire il T.O. per ripristinare la competenza occupazionale
9. Proporre interventi restitutivi sulla persona
10. Distinguere l'approccio sostitutivo e restitutivo nell'analisi e uso dell'attività
11. Spiegare e implementare le modificazioni dell'attività
12. Proporre adeguate modifiche all'ambiente fisico: abbattimento di barriere architettoniche, introduzione di ausili
13. Verificare i risultati dell’intervento
14. Documentare il processo terapeutico

3) Al termine del corso lo studente avrà acquisito le seguenti conoscenze e competenze:
compiere una valutazione terapeutica del soggetto anziano e dell’ambiente (umano e non-umano) in cui vive;
ipotizzare l’intervento specifico di Terapia Occupazionale;
proporre modifiche ambientali e ausili idonei a facilitare l’autonomia;
sostenere la discussione di un caso clinico;
illustrare lo specifico ruolo della professione in ambito geriatrico (prevenzione-intervento sul paziente singolo e di gruppo-formazione care-giver e care-provider).
Modalita' di esame: Esame orale
Criteri di valutazione: 1) Gli studenti verranno valutati relativamente agli obiettivi del corso concernenti conoscenze ed abilità.

2) Verrà valutato il raggiungimento degli obiettivi sopra riportati.

3) Si valuta la conoscenza dei concetti basilari sulla specificità dell’intervento in età geriatrica e, per quanto riguarda in specifico il caso clinico, si tiene conto della capacità di lettura e connessione dei dati in proprio possesso e la competenza nell’utilizzarli per determinare ipotesi di intervento, in base alle conoscenze proprie del secondo anno di corso.
Vengono proposte di norma 4 domande (tre di teoria e un caso clinico), ogni domanda ha un peso numerico, suddiviso sulla base dei concetti presenti in essa (ad es. per il Modello Gentle Care: peso totale 5: 1 punto definizione, 2 punti descrizione filosofia, 1 punto componenti principali, 1 punto aggiuntivo spendibile per la ricchezza/completezza/precisione delle informazioni).
Il caso clinico è la domanda con il peso maggiore.
Contenuti: 1)- Breve excursus su anatomia della mano (ossa, muscoli, legamenti, archi, pulegge).
- La funzionalità della mano.
- Le ortesi: concetto di ortesi (brevi cenni storici).
- Classificazione delle ortesi per tipologia e funzione.
- Impiego delle ortesi: principi di costruzione, sia dell’ortesi statica che dinamica.
- Presentazione dei materiali utilizzati nella costruzione delle ortesi.
- Le patologie tendinee non traumatiche: obiettivi del trattamento conservativo e post-chirurgico, protocolli di trattamento, tipologie di ortesi utilizzate.
La terapia occupazionale nelle patologie infiammatorie.
- Patologia tendinea traumatica: trattamento riabilitativo
post-chirurgico, protocolli di trattamento, tipologie di ortesi utilizzate.
- Sindromi da intrappolamento dei nervi periferici all’arto
superiore: obiettivi del trattamento conservativo e post-chirurgico, protocolli di trattamento, tipologie di ortesi utilizzate.
- Lesione dei nervi periferici: riabilitazione e ortesi.
- Lesioni ossee e legamentose: problematiche riabilitative.
- La patologia reumatica: concetti di risparmio articolare, ortesi funzionali e da riposo.
- Valutazioni nelle patologie della mano: breve excursus su esame articolare, valutazione neuromuscolare, esame della sensibilità, esame funzionale, valutazione dell’edema.
- Rieducazione della sensibilità.
- Trattamento dell’edema.
- La rigidità della mano: valutazione, trattamento ed uso di ortesi.
- Le malformazioni: obiettivi del trattamento post-chirurgico.

2) • Concetti base della terapia occupazionale
• Il CPPF (Canadian Practice Process Framework) e l’OTIPM (Occupational Therapy Intevention Process Model) approfondimento e applicazione pratica dei vari punti.
• Analisi della performance occupazionale: COPM, QPRS, DPA, AMPS
• Altre valutazioni: FIM, Bhartel Idex, valutazioni delle funzioni corporee.
• Analisi dell’ambiente fisico e socio-culturale.
• Definizione degli obiettivi e del piano terapeutico
• Approfondimento delle diverse modalità d’intervento: restitutivo basato sull’occupazione, adattamento dell’attività, adattamento dell’ambiente.
• Documentazione del processo terapeutico.


3)Le specificità del paziente anziano, le caratteristiche del suo “fare” e le priorità della Terapia Occupazionale in Geriatria;
la valutazione del paziente e del contesto ambientale: approcci e modelli specifici;
l’intervento di T.O. nelle principali patologie: Demenza, M. di Parkinson, emiplegia (Linee Guida secondo E.B.O.T.);
intervento individuale e di gruppo;
analisi delle caratteristiche dei principali contesti di intervento;
il ruolo del Terapista Occupazionale nell’equipe multi professionale e multidimensionale geriatrica;
il T.O. e il rapporto con il care-giver;
il ruolo del T.O. nell’area della prevenzione (ad es. prevenzione delle cadute; importanza delle posture etc..) e nella formazione del care-giver e dei care-providers (educare al significato e alla tecnica del fare quotidiano durante l’assistenza);
ausili e modifiche ambientali;
analisi e discussione di casi clinici esplicativi.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: 1)Lezioni frontali.
Laboratorio pratico di costruzione di ortesi con materiale termoplastico di tipologia sia statica che dinamica.
Le lezioni frontali approfondiranno i protocolli riabilitativi dei quadri patologici, il laboratorio pratico offrirà la possibilità di sperimentare e costruire ortesi in relazione alle patologie presentate.
Verranno utilizzate slide, e per la parte pratica verranno messi a disposizione materiali termoplastici ed ortesi.

2) Lezioni frontali
Lavori di gruppo sui modelli e su casi
Lavoro su video
Esercitazioni pratiche rispetto all’uso di strumenti

3) Lezioni frontali, integrate con lavori di gruppo e analisi interattiva di casi clinici attraverso schede cartacee e/o video. Riuscire a identificare velocemente gli elementi positivi e negativi della storia clinica permettono di sviluppare capacità di integrare il sapere teorico al saper fare (modelli di t.o.), sollecitando connessioni e capacità prognostiche sull’autonomia e qualità di vita nell’anziano.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: 1) Saranno consultabili dispense messe a disposizione dalla docente.

2) Nella dispensa è menzionata un’ampia bibliografia che può essere consultata per approfondire autonomamente i contenuti del corso oltre al livello richiesto per il superamento dell’esame.

3) Vengono indicati inoltre articoli, tesi di laurea, romanzi e/o film sull’argomento vecchiaia, che possano offrire allo studente un arricchimento culturale ed emotivo. Di seguito alcuni esempi:
E. Zandonella Sarinuto “Anziano fragile e cadute: ruolo, strumenti e metodologia dell’intervento di T.O. nel percorso riabilitativo” Tesi di Laurea A.A. 2010/2011
E. Zanin “L’attività di cucina in Terapia Occupazionale: impatto sul comportamento e sull’umore nella patologia di Alzheimer” Tesi di Laurea A.A.
GITO (Giornale Italiano di Terapia Occupazionale) 1,2,3,4,5,6,7.
F. Andrellini “Quali priorità in Geriatria?” Atti XIV Congresso Naz AITOA.
Andrellini-Ceriotti “Riflessioni sull’intervento di T.O. in gruppi Geriatrici” Riabilitazione Oggi giugno ‘90
F. Andrellini “L’apporto del T.O. nell’esperienza formativa all’interno di una struttura geriatrica” tesi di Laurea a.a.2007/08
L.Genova “Perdersi” “Ancora io”
Testi di riferimento: