Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
Insegnamento
STORIA MEDIEVALE
SFO2042688, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
SF1333, ordinamento 2011/12, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum SCIENZE DELL'EDUCAZIONE [002PD]
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese MEDIEVAL HISTORY
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile DONATO GALLO M-STO/01

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline storiche, geografiche, economiche e giuridiche M-STO/01 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2011

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
6 2018/19 01/10/2018 30/11/2019 GALLO DONATO (Presidente)
BOTTARO FRANCESCO (Membro Effettivo)
CANZIAN DARIO (Membro Effettivo)
FONTANA EMANUELE (Membro Effettivo)
5 2017/18 01/10/2017 30/11/2018 GALLO DONATO (Presidente)
BOTTARO FRANCESCO (Membro Effettivo)
CANZIAN DARIO (Membro Effettivo)
FONTANA EMANUELE (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Non vi sono prerequisiti specifici sul piano disciplinare; tuttavia, trattandosi di insegnamento del secondo anno di corso, si richiede di aver conseguito l'orientamento al curricolo e abilità di studio, acquisiti nel primo anno e documentabili; è inoltre vivamente consigliato aver già sostenuto l'esame di storia moderna del primo anno.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Alla fine del corso si dovrà avere una conoscenza delle linee essenziali della storia medievale (secoli 5.-15.) ed di alcuni elementi della storia delle istituzioni scolastiche nel Medioevo occidentale, dimostarndo l'abilità di raccordare approcci diversi (storia delle istituzioni, della cultura e della società).
Modalita' di esame: L'esame si svolgerà in forma orale con discussione di due delle tematiche affrontate durante le lezioni ; una ulteriore domanda sarà dedicata all'approfondimento tematico (vedi contenuti).
Criteri di valutazione: Non essendo programmabile una regolare valutazione in itinere, si etrà conto del fedback durenate le lezioni. la valutazione finale si baserà su tre livelli osservativi ascendenti, sulla base delle risposte nel colloquio: 1) capacità di collocare nel tempo e nello spazio alcuni fenomeni storici relativi al millennio medievale, rilevanti sul piano generale;
2) capacità di raccordare i diversi sviluppi e le trasformazioni delle strutture sociali, economiche, politiche in età medievale;
3) pertinenza e completezza delle spiegazioni relative agli stessi fenomeni.
Contenuti: 1. Introduzione alla storia medievale: definizioni, periodizzazione, problemi generali dell’età. Il medioevo ci interpella ancora tra luoghi comuni e "appropriazione identitaria".
2. L'alto medioevo: invasioni barbariche e regni romano-barbarici. Teodorico e Ostrogoti in Italia. Giustiniano e l'Impero d'Oriente. Italia dei Longobardi. Regno franco merovingio e ascesa dei Pipinidi-Carolingi. Carlo Magno e organizzazione dell'impero. Ludovico il Pio e crisi impero carolingio. Vikinghi, Saraceni, Ungari. L'economia curtense e altri caratteri dell'economia altomedievale. La dinastia degli Ottoni.
3. Il medioevo al suo apogeo: XI-XIII. La "rinascita del sec. XI": aspetti agrari, commerciali, demografici. La riforma ecclesiastica del sec. XI e lotta per le investiture. Nascita e sviluppo delle autonomia comunali in Europa e in Italia. Regno normanno nell'Italia meridionale. Federico I e la pace di Costanza. Caratteri del comune in Italia e sue trasformazioni o fasi. L'epoca di Innocenzo III e la religiosità nel Duecento (movimenti eterodossi, ordini mendicanti). Federico II. Le monarchie feudali europee (Normanni-Plantageneti in Inghilterra; Capetingi in Francia). LO sviluppo economico dei sec. XII-XIII.
4) Il tardo medioevo. La Crisi del Trecento. Il Papato Avignonese. Dalle signorie cittadine ai principati (stati regionali italiani nel sec. XV). la politica dell'equilibrio in Italia (pace di Lodi). L'Europa alla fine del medio evo.
5) Approfondimento tematico: Aspetti del rapporto tra società e "scuole" (come strutture di trasmissione dei saperi) nel medioevo occidentale (secoli 5-15). La fine della scuola antica in Occidente. L'educazione 'barbarica'. Le scuole monastiche e le scuole episcopali. Significato e limiti della rinascenza carolingia. Sviluppo urbano e nuove esigenze social:, richiesta di alfabetizzazione e diffusione di nuovi saperi. Cenni sulla nascita e lo sviluppo delle Università. La scuola nelle città comunali italiane come servizio pubblico: scuole di base, scuole di abaco, scuole di grammatica. L'istruzione delle donne nel medioevo. Proposte pedagogiche dell'Umanesimo e realtà concreta delle scuole nel Quattrocento.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezione frontale. Presentazione degli argomenti, con proiezioni (ppt , mappe concettuali, carte storiche); lettura e commento di testi, fonti storiche scritte (in traduzione) ed iconografiche, attraverso la piattaforma Moodle; feedback di discussione.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: La parte generale fa riferimento a uno dei due manuali indicati al n. 1 e 2, a scelta; il titolo n. 3, di taglio storiografico, è compreso nella parte istituzionale. Gli studenti regolarmente frequentanti possono far riferimento agli appunti dalle lezioni ed ai materiali resi disponibili nella piattaforma moodle, ma per coordinare l'apprendimento è consigliato avere a disposizione uno dei manuali consigliati (n. 1 o 2, a scelta). L'approfondimento tematico comprende gli argomenti specificamente trattati a lezione con i relativi materiali resi disponibili in moodle, tenendo come rferimento il titolo al n 4 , limitatamente ai capitoli 1, 2, 4, 5, 9, 10, 11, 12. I non frequentanti, oltre alla parte generale su uno dei manuali indicati (per gli argomenti sopra indicati) e il n. 3 (Sergi), dovranno dimostrare di aver studiato anche i seguenti saggi contenuti nel volume al n. 4: G. Miccoli, I monaci; G. Cherubini, Il contadino e il lavoro dei campi; J. Rossiaud, Il cittadino; M. Brocchieri Fumagalli,L'intellettuale, C. Klapisch Zuber, La donna e la famiglia. Lo studio delle parti già indicate del volume al n. 4 dei testi di riferimento è obbligatorio per i non frequentanti.
Testi di riferimento:
  • Zorzi, Andrea, Manuale di storia medievale. Novara: Utet-università, 2016. A SCELTA IN ALTERNATIVA AL SEGUENTE Cerca nel catalogo
  • Piccinni, Gabriella, I mille anni del Medioevo. Terza edizione. MIlano-Torino: Pearson, 2018. Cerca nel catalogo
  • Sergi Giuseppe, L'idea di medioevo. Fra storia e senso comune. Roma: Donzelli, 2008. (o ristampe successive). Cerca nel catalogo
  • Rosso, Paolo, La scuola nel Medioevo. Secoli VI-XV. Roma: Carocci, 2018. Cerca nel catalogo
  • Le Goff Jacques ( a cura di), L'uomo medievale. Roma-Bari: Laterza, 2011. (anche edizioni precedenti o in versione digital, dal 2012) Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Mappe concettuali
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)