Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
Insegnamento
PRAGMATICA
SUP5070977, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
IF0314, ordinamento 2016/17, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PRAGMATICS
Sito della struttura didattica https://www.disll.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scienzeumane/course/view.php?idnumber=2018-IF0314-000ZZ-2018-SUP5070977-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile SARA GESUATO L-LIN/12

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
SUP5070977 PRAGMATICA SARA GESUATO LE0610

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline semiotiche, linguistiche e informatiche L-LIN/01 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/09/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2016

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
4 1819 01/10/2018 30/11/2019 GESUATO SARA (Presidente)
POLETTO CECILIA (Membro Effettivo)
BERTOCCI DAVIDE (Supplente)
VANELLI LAURA (Supplente)
VIGOLO MARIA TERESA (Supplente)
1 1718 01/10/2017 30/11/2018 GESUATO SARA (Presidente)
POLETTO CECILIA (Membro Effettivo)
BERTOCCI DAVIDE (Supplente)
VANELLI LAURA (Supplente)
VIGOLO MARIA TERESA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Non è richiesta nessuna conoscenza pregressa. Tuttavia, si richiede agli studenti di mostrare: interesse per le pratiche comunicative, spirito di osservazione; capacità di analisi critica; disponibilità a non dare per scontate le cose. Gli studenti sono tenuti a partecipare attivamente al corso discutendo delle proprie esperienze comunicative in classe, e a svolgere le attività assegnate.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso si propone di mettere in grado gli studenti di:
Apprendere nozioni di base della pragmatica;
Prendere coscienza delle risorse linguistiche per la veicolazione intenzionale e convenzionale di significato;
Comprendere alcuni dei meccanismi che rendono conto della rappresentazione e decodifica del significato nel testo e nel contesto;
Individuare possibili correlazioni tra espressioni linguistiche e il loro contesto d’uso;
Motivare in modo plausibile l’analisi interpretativa teorico-pratica di espressioni linguistiche contestualizzate
Modalita' di esame: Frequentanti:
O 1) una prova scritta della durata di 2 ore con 12 domande aperte
O 2) una tesina finale che riporti in dettaglio la progettazione, la realizzazione, i risultati e le implicazioni di una ricerca di pragmatica svolto dal singolo studente previa approvazione della docente

Gli studenti frequentanti che scelgano di scrivere una tesina devono ottenere l’approvazione della docente sull’argomento, lo scopo e il taglio della ricerca che intendono svolgere durante il ricevimento almeno 2 mesi prima della consegna della tesina.

Non-frequentanti:
una prova scritta con 12 domande aperte
Criteri di valutazione: i) Per la tesina (solo frequentanti): motivazione, valore, impostazione, e interpretazione critica dei risultati della ricerca, e accuratezza, completezza, precisione, appropriatezza di registro, coerenza della tesina.
ii) Per la prova scritta: conoscenza degli argomenti trattati a lezione and nei testi di riferimento; comprensione dei concetti e dei metodi presentati; capacità di applicare le conoscenze acquisite all’analisi di testi; capacità di riconoscere e classificare i fenomeni spiegati in classe e nei testi di riferimento; abilità di argomentare, motivare e fornire prove a sostegno delle proprie interpretazioni; abilità di ragionare in modo logico, analitico e critico; abilità di veicolare informazioni nel rispetto delle massime del Principio Cooperativo della Conversazione di Grice.
Contenuti: Il corso verterà sui seguenti argomenti: deissi; contesto; inferenze; il principio cooperativo; cortesia; atti linguistici (estesi); morfopragmatica; la struttura della conversazione. Inoltre, tratterà uno o più dei seguenti: la pragmatica variazionista; la pragmatica interculturale e nella L2; gla rammaticalizzazione-lessicalizzazione; lo sviluppo dell’abilità pragmatica; i disturbi pragmatici
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: 1) lezioni frontali con coinvolgimento degli studenti nella discussione;
2) lavoro a coppie e di gruppo.

La frequenza è vivamente consigliata. e raccomandata nel rispetto dell'art. 28, comma 1 del Regolamento carriere studenti: "Lo studente iscritto all’Università ha il diritto/dovere di frequentare le lezioni e di partecipare attivamente a tutte le attività formative previste dal Corso di studio cui è iscritto secondo le modalità previste dal Regolamento didattico del corso di studio".
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il materiale di studio comprende materiali/risorse distribuiti durante il corso nella piattaforma Moodle, e appunti dalle lezioni per i frequentanti. I PPT delle lezioni e letture di approfondimento saranno pure caricate sulla piattaforma Moodle
Testi di riferimento:
  • C. Andorno, Che cos’è la pragmatica linguistica,. Roma: Carocci, 2005. obbligatorio Cerca nel catalogo
  • P. Grundy, Doing Pragmatics. London: Hodder, 2008. 3rd edition; consigliato Cerca nel catalogo
  • P. Grundy, D. Archer, The pragmatics reader. London: Routledge, 2011. consigliato Cerca nel catalogo
  • C. Bazzanella, Linguistica e pragmatica del linguaggio: un’introduzione. Roma: Laterza, 2008. consigliato Cerca nel catalogo
  • J. Cutting, Pragmatics. A resource book for students.. London: Routledge, 2015. consigliato Cerca nel catalogo
  • V. Bamgini, Il cervello pragmatico. Romaq: Carocci, 2017. obbligatorio (pp. 1-75) Cerca nel catalogo
  • A. De Marco, Sociopragmatica. Roma: Editori Riuniti, 2010. obbligatorio (capp. 2-4) Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Problem based learning
  • Case study
  • Working in group
  • Questioning
  • Story telling
  • Problem solving
  • Peer feedback
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Ridurre le disuguaglianze