Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
LINGUE, LETTERATURE E MEDIAZIONE CULTURALE
Insegnamento
GEOGRAFIA LETTERARIA
SUP8083923, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
LINGUE, LETTERATURE E MEDIAZIONE CULTURALE (Ord. 2018)
SU2294, ordinamento 2018/19, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese LITERARY GEOGRAPHY
Sito della struttura didattica https://www.disll.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile GIADA PETERLE M-GGR/01
Altri docenti MAURO VAROTTO M-GGR/01

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE03122420 GEOGRAFIA CULTURALE GIADA PETERLE LE0600
LE03122420 GEOGRAFIA CULTURALE GIADA PETERLE LE0604

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
BASE Discipline storiche, geografiche e socio-antropologiche M-GGR/01 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
1 1819 01/10/2018 30/11/2019 VAROTTO MAURO (Presidente)
CASTIGLIONI BENEDETTA (Membro Effettivo)
ROSSETTO TANIA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Il corso non prevede prerequisiti.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Obiettivo del corso è quello di fornire gli strumenti teorici, metodologici e critici necessari per l'interpretazione dello spazio urbano inteso come spazio simbolico stratificato nel tempo. In particolare, il corso si prefigge di offrire una prospettiva 'geoletteraria' e 'spaziale' per la lettura critica dei testi letterari urbani, suggerendo di cogliere lo stretto rapporto tra testo finzionale e spazio reale come chiave interpretativa utile a comprendere le dinamiche geografico-culturali che caratterizzano le città contemporanee.
Modalita' di esame: L'esame è orale in forma di colloquio.
Criteri di valutazione: L’esame finale si propone di verificare la capacità di impiegare gli strumenti critici e il lessico specifico richiesti per lo studio e l'analisi dello spazio urbano, nonché di attestare lo sviluppo di uno sguardo critico autonomo volto all'interpretazione delle dinamiche culturali urbane e dei testi letterari secondo una prospettiva ‘geoletteraria’.
Contenuti: Il corso di Geografia Letteraria si propone di introdurre gli studenti ad un approccio interdisciplinare basato sullo stretto rapporto tra la critica letteraria e la geografia culturale nell’analisi della città, esplorando le interazioni e le contaminazioni tra testi narrativi e spazio reale.
La prima parte del corso è incentrata sulla storia dei rapporti tra geografia e letteratura nel racconto e nell’interpretazione della città. Attraverso lo studio di concetti centrali quali ‘luogo’, ‘paesaggio’, ‘mappa’, ‘cronotopo’ e ‘città-testo’, il corso si propone di ragionare sulla rappresentazione narrativa dello spazio, e in particolare di quello urbano, affiancando analisi testuale e interpretazione geoculturale, approcci geoumanistici e metodi creativi.
A partire dall’acquisizione di questi strumenti teorici, la seconda parte del corso sarà incentrata sulla pratica del camminare e le sue raffigurazioni narrative all’interno dell’ambiente urbano: seguendo la figura letteraria del flâneur si osserveranno le intersezioni tra testi e spazi, muovendosi nella storia della letteratura così come in quella della forma urbana, muovendosi nello spazio e nel tempo, dalle metropoli simbolo della modernità alla contemporanea ‘città diffusa’, da Parigi, Berlino e New York sino al Nordest. La figura del flâneur, come tipo umano e letterario, e la pratica della flânerie, come strumento di osservazione attiva dello spazio, verranno poste al centro della riflessione nelle loro diverse declinazioni e accezioni (positive e negative) anche attraverso il confronto con altre figure (come quelle del turista e dell’automobilista).
L’ultima parte del corso ha un impianto laboratoriale e propone il camminare come metodologia qualitativa utile ad attraversare, osservare, leggere e raccontare gli spazi urbani con uno sguardo multifocale e polisensoriale. Al fine di mettere in dialogo testi e spazi, verranno organizzate delle escursioni geoletterarie, in cui i testi e la loro analisi (critico-filologica) sarà interpretata come guida per l’attraversamento e la lettura di luoghi e paesaggi urbani.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali con impiego di presentazioni ppt, video, reading di testi. Seminari tematici, laboratori intermediali, metodi creativi ed escursioni saranno inoltre volti a stimolare costantemente l'attiva partecipazione degli studenti durante le lezioni.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Gli studenti frequentanti saranno tenuti a prepararsi principalmente sugli appunti e i materiali discussi a lezione (resi disponibili sulla piattaforma Moodle), avendo come riferimento secondario i testi in bibliografia secondo quanto segue:

1. manuale di geografia urbana: Francesca Governa, Maurizio Memoli, Geografie dell’urbano. Spazi, politiche, pratiche della città (Carocci Editore 2011)
solamente i seguenti capitoli: Introduzione (da p. 11 a p. 21); Capitoli 1, 2 e 3 (da p. 23 a p. 108); Capitoli 5 e 6 (da p. 147 a p. 190); Capitolo 9 (da p. 249 a p. 276)

2. un saggio a scelta tra:
a. Giampaolo Nuvolati, L' interpretazione dei luoghi. Flânerie come esperienza di vita (Firenze University Press, 2013)
b. Davide Papotti e Franco Tomasi, La geografia del racconto. Sguardi interdisciplinari sul paesaggio urbano nella narrativa italiana contemporanea (Peter Lang, 2014)

3. due testi letterari a scelta tra:
- Paul Auster, Città di vetro (in Trilogia di New York)
- Paul Auster, Nel paese delle ultime cose
- Walter Benjamin, Infanzia berlinese intorno al millenovecento
- Walter Benjamin, Immagini di città
- Romolo Bugaro, Effetto domino
- Italo Calvino, Le città invisibili
- Gianni Celati, Verso la foce
- Alfred Döblin, Berlin Alexanderplatz
- Don DeLillo, Cosmopolis
- Tommaso Giartosio, L’O di Roma. In tondo e senza fermarsi mai
- Cormac McCarthy, La strada
- Stefania Scateni, Periferie. Viaggio ai margini delle città
- Igiaba Scego, La mia casa è dove sono
- Igiaba Scego, Roma negata. Percorsi postcoloniali nella città
- Francesco Targhetta, le vite potenziali
- Vitaliano Trevisan, I quindicimila passi. Un resoconto

Per gli studenti non frequentanti il programma prevede gli stessi materiali dei frequentanti al punto 1. (manuale solo nei capitoli indicati) e 3. (due testi letterari a scelta), mentre contrariamente a quanto previsto per i frequentanti richiede lo studio di ENTRAMBI i saggi indicati al punto 2. (sia G. Nuvolati sia D. Papotti e F. Tomasi).

Sono sconsigliate situazioni ibride tra frequenza e non frequenza e si pregano gli studenti di prendere contatto con i docenti per ogni ulteriore dubbio o chiarimento.
Testi di riferimento:
  • Governa, Francesca, Memoli, Maurizio, Geografie dell'urbano: spazi, politiche, pratiche della città. Roma: Carocci, 2011. Solo i seguenti capitoli: Introduzione; Capitoli 1, 2 ,3,5, 6 e 9 Cerca nel catalogo
  • Nuvolati, Giampaolo, L' interpretazione dei luoghi. Flânerie come esperienza di vita. Firenze: Firenze University Press, 2013. Per i frequentanti, saggio a scelta con quello di Papotti e Tomasi. Cerca nel catalogo
  • Papotti, Davide, Tomasi, Franco, La geografia del racconto. Sguardi interdisciplinari sul paesaggio urbano nella narrativa italiana contemporanea. Bruxelles: Peter Lang, 2014. Per i frequentanti, saggio a scelta con quello di Nuvolati. Cerca nel catalogo
  • Auster, Paul, Città di Vetro (in Trilogia di New York). --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Auster, Paul, Nel paese delle ultime cose. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Benjamin, Walter, Infanzia berlinese intorno al Millenovecento. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Benjamin, Walter, Immagini di città. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Bugaro, Romolo, Effetto domino. --: Einaudi, 2015. Cerca nel catalogo
  • Calvino, Italo, Le città invisibili. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Celati, Gianni, Verso la foce. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Döblin, Alfred, Berlin Alexanderplatz. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • DeLillo, Don, Cosmopolis. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Giartosio, Tommaso, L’O di Roma. In tondo e senza fermarsi mai. --: --, --.
  • McCarthy, Cormac, La strada. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Scateni, Stefania, Periferie. Viaggio ai margini delle città. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Scego, Igiaba, La mia casa è dove sono. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Scego, Igiaba, Roma negata. Percorsi postcoloniali nella città. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Targhetta, Francesco, Le vite potenziali. --: --, --. Cerca nel catalogo
  • Trevisan, Vitaliano, I quindicimila passi. Un resoconto. --: --, --. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Case study
  • Working in group
  • Questioning
  • Story telling
  • Mappe concettuali
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)
  • Comic books

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Uguaglianza di genere Lavoro dignitoso e crescita economica Ridurre le disuguaglianze Citta' e comunita' sostenibili Pace, giustizia e istituzioni forti