Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE STORICHE
Insegnamento
STORIA GLOBALE DEL LAVORO
SUP7078760, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE STORICHE
LE0607, ordinamento 2017/18, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese GLOBAL LABOR HISTORY
Sito della struttura didattica www.dissgea.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell'Antichità (DISSGeA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ANDREA CARACAUSI M-STO/02

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
SUP7079539 STORIA GLOBALE DEL LAVORO ANDREA CARACAUSI LE0613
SUP7079539 STORIA GLOBALE DEL LAVORO ANDREA CARACAUSI IF0314
SUP7079539 STORIA GLOBALE DEL LAVORO ANDREA CARACAUSI IF0315

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Storia generale ed europea M-STO/02 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
2 Commissione 2018/19 01/12/2018 30/11/2019 CARACAUSI ANDREA (Presidente)
VIANELLO FRANCESCO MARIA (Membro Effettivo)
MOLINO PAOLA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Non è previsto alcun prerequisito, ma disponibilità e interesse per la materia
Conoscenze e abilita' da acquisire: Gli studenti acquisiranno una conoscenza dei principali temi di storia globale del lavoro, uno degli ambiti più dinamici della recente storiografia.
Queste conoscenze saranno funzionali a una migliore comprensione dei problemi legati alle società passate e presenti, collocando le stesse all’interno di coordinate spaziali e temporali di lungo periodo ed evitando interpretazioni teleologiche ed esclusivamente eurocentriche.
Alla fine del corso gli studenti saranno in grado di elaborare una ricerca di storia globale del lavoro in modo autonomo.
Modalita' di esame: L'esame finale si articolerà nel seguente modo:

1) redazione di un breve elaborato scritto (inclusa la traduzione di uno o più testi, per gli studenti di lingue)
2) colloquio orale (sull'elaborato e sui temi affrontati a lezione)

Si vedano anche i criteri di valutazione.
Criteri di valutazione: • Partecipazione alle lezioni (20%)
• Discussion seminar (20%)
• Discussion paper (20%)
• Colloquio finale (40%)
Contenuti: Il corso si propone di analizzare uno degli aspetti centrali delle società del passato e del presente: il lavoro, inteso in una concezione più ampia rispetto a quello che oggi siamo portati a pensare utilizzando un’ottica novecentesca.

Il punto di partenza sarà, infatti, il ripensamento di alcuni elementi cardine del pensiero occidentale sui quali si sono basate le analisi sulle società europee ed extraeuropee, a partire dalle dicotomie schiavitù/libertà, status/contratto, antico/moderno, feudalesimo/capitalismo.

Attraverso l’analisi di diversi “mondi del lavoro”, legando insieme “Nord” e “Sud” globale, l’obiettivo è invece di ricostruire le pratiche materiali e i processi culturali grazie ai quali le società costruiscono i loro rapporti di potere e subalternità, le loro relazioni di genere e dipendenza, dentro e fuori al luogo di lavoro.

Una rilettura del processo storico con cui, dal 1400 (ma anche prima), il capitalismo si è affermato in diverse aree del mondo, nelle piantagioni e nelle fabbriche, nelle case e nelle botteghe, sulle piazze e sulle strade, ci aiuterà a comprendere meglio i fenomeni storici alla base delle società.

Il corso è diviso in tre parti.

Una prima parte (di circa 21 ore, 3 CFU), intitolata “Sguardi sul lavoro” sarà di carattere introduttivo e si focalizzerà sui principali snodi che hanno riguardato gli studi sul lavoro. Saranno presentati – e sottoposti a dura critica – i principali fondamenti teorici dei concetti elaborati dal pensiero occidentale fra Otto e Novecento: capitalismo, lavoro e classe. Sarà poi analizzato l’evolversi dei principali filoni di studio: dalla labour history d’inizio Novecento ai rapporti fra storia del lavoro e storia sociale fra anni cinquanta e settanta per arrivare all’irrompere delle categorie di genere, razza, etnia negli anni ottanta alla storia globale del lavoro dagli anni novanta a oggi.

Una seconda parte (21 ore, 3 CFU), intitolata “Capitalismo e lavoro”, analizzerà – attraverso fonti e casi di studio – come il capitalismo si sia affermato utilizzando molteplici rapporti di lavoro (schiavitù e servitù, lavoro a contratto e dei detenuti, lavoro tributario e volontario, riproduttivo e domestico, autonomo, imprenditoriale e salariato) e come l’agency individuale e collettiva degli attori coinvolti abbia cercato di ridurre le diseguaglianze prodotte. Si vedrà come questi processi contribuirono – e contribuiscono ancora – a ridefinire gerarchie, dipendenze, diversità (di genere, razza e classe) fra le diverse aree del mondo e fra i diversi gruppi sociali.

Una terza parte (21 ore, 3 CFU), intitolata “Essere precari/e” si soffermerà, grazie a un percorso di ricerca con fonti primarie, sul tema della precarietà in prospettiva storica. Attraverso l’analisi di diverse epoche, si arriverà a un ripensamento dei principali postulati delle attuali scienze sociali e a una diversa ricostruzione dell’essere precario/a e del suo ruolo nei processi di trasformazione sociale.

Questi i principali argomenti:

• Storia del lavoro e storia globale del lavoro
• Lavoro libero/non libero
• Genere
• Migrazioni e mobilità
• Forme di resistenza
• Catene di merci globali
• Precarietà
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Ogni tema sarà affrontato indicativamente con la seguente modalità:

1) una lezione frontale sul tema in oggetto;
2) la presentazione e la discussione di una fonte o un gruppo di fonti (archivistiche o a stampa) sulle quali impostare una ricerca;
3) una discussione su un testo in forma seminariale.

La frequenza è consigliabile, ma i non frequentanti possono concordare un programma d’esame apposito con il docente.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I testi di riferimento indicati sono esclusivamente di carattere generale e introduttivo.

Il docente predisporrà - assieme anche agli studenti - una bibliografia apposita per stimolare discussioni e dibattiti. Un corpus di fonti (archivistiche o a stampa) sarà disponibile per introdurre alla ricerca storica.
Testi di riferimento:
  • Christian G. De Vito, Global labour history. La storia del lavoro al tempo della "globalizzazione". Verona: Ombre Corte, 2012. Cerca nel catalogo
  • Van der Linden, Marcel, Il lavoro come merce. Capitalismo e mercificazione del lavoro. Milano: Udine, Mimesis, 2018. Traduzione a cura di Lorenzo D'Angelo e Christian G. De Vito Cerca nel catalogo
  • Bonazza Giulia, Ongaro Giulio, Libertà e coercizione. Il lavoro in una prospettiva di lungo periodo. Palermo: NDF press, 2018. Cerca nel catalogo
  • Patel, Raj; Moore, Jason W., Una storia del mondo a buon mercato. Guida radicale agli inganni del capitalismo. Milano: Feltrinelli, 2018. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Case study
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Questioning
  • Peer assessment
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Poverta' Zero Uguaglianza di genere Lavoro dignitoso e crescita economica Ridurre le disuguaglianze Consumo e produzione responsabili