Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
Insegnamento
LABORATORIO DI GEORISORSE PER I BENI CULTURALI E DI ARCHEOMETRIA
SUP9088698, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
LE0616, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Giudizio
Denominazione inglese LABORATORY OF GEO-RESOURCES FOR CULTURAL HERITAGE AND OF ARCHAEOMETRY
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di SCIENZE ARCHEOLOGICHE

Docenti
Responsabile MICHELE SECCO GEO/09

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
ALTRO Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro -- 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Annuale
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LABORATORIO 6.0 48 102.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 20/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
1 2019 01/12/2019 30/11/2020 SECCO MICHELE (Presidente)
ANGELINI IVANA (Membro Effettivo)
ARTIOLI GILBERTO (Membro Effettivo)
MARITAN LARA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Il Corso di Studio non prevede propedeuticità. È tuttavia consigliato un ripasso preliminare di nozioni chimico-fisiche di base relative ai materiali inorganici acquisite durante il percorso formativo di istruzione superiore.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso si propone di fornire allo studente:
1) Conoscenze di base relative alle proprietà chimiche, fisiche e mineralogiche di materiali inorganici utilizzati dalle civiltà antiche quali risorse tecnologico-culturali;
2) Adeguata padronanza delle tecniche analitiche di caratterizzazione utilizzate comunemente nell’ambito della ricerca archeometrica applicata ai materiali inorganici;
3) Capacità di progettare, eseguire e finalizzare una campagna di ricerca scientifica multianalitica in grado di fornire risposte a quesiti di natura archeologica e/o storico-artistica.
Modalita' di esame: L’esame consterà nella redazione di una relazione finale relativa alle attività sperimentali di laboratorio che verranno eseguite durante il corso e di una discussione orale della relazione stessa, con richiami ai concetti teorici relativi ai materiali analizzati e alle tecniche analitiche utilizzate. La relazione finale dovrà essere consegnata al docente almeno una settimana prima della discussione orale.
Criteri di valutazione: Verrà valutata:
1) la conoscenza e la comprensione degli argomenti trattati nel corso e dei concetti e metodi di analisi scientifica proposti;
2) la capacità di applicare tali conoscenze in modo autonomo e consapevole;
3) le abilità logico-argomentative, ovvero la capacità di costruire un proprio discorso critico pertinente, chiaro, efficace e personale in relazione alle tematiche trattate nel corso.
Contenuti: Il corso sarà strutturato in una serie di attività pratiche in situ e di laboratorio atte alla caratterizzazione di materiali inorganici, trattati e non, ascrivibili alla categoria delle cosiddette “georisorse”, ovvero minerali, rocce e derivati antropogenici utilizzati dalle società umane per scopi funzionali e/o estetici. L’obbiettivo finale del percorso formativo consiste nel fornire allo studente competenze operative di base nell’ambito dell’archeometria, ovvero la scienza che si occupa dello studio con analisi di laboratorio dei materiali di cui i beni di interesse storico, archeologico, artistico e architettonico sono costituiti e dei contesti naturali in cui tali beni si sono ritrovati nel tempo. Durante le attività pratiche verranno inoltre ripresi concetti teorici di base di chimica, fisica e mineralogia necessari alla comprensione della natura dei materiali analizzati.
Il corso sfrutterà come caso studio esemplificativo la tematica dell’analisi dei geomateriali utilizzati nel costruito storico archeologico, sia strutturali che decorativi, dal nucleo della struttura architettonica (malte, calcestruzzi, mattoni, elementi lapidei) alla sua superficie (intonaci e rivestimenti parietali, pitture murali, stucchi). Il percorso formativo verrà strutturato affrontando in maniera pratica tutti gli aspetti relativi all’analisi archeometrica dei materiali succitati, dal campionamento all’interpretazione finale dei dati analitici, come in seguito esposto:
- TECNICHE DI CAMPIONAMENTO. Verranno affrontate le procedure e gli strumenti atti ad ottenere un campionamento numericamente e statisticamente significativo in relazione al caso studio in esame, in osservanza del concetto di minima invasività rapportata al valore socio-culturale del materiale testato. Le attività pratiche verranno eseguite sia su materiali mobili in laboratorio, sia in situ qualora risultasse possibile;
- TECNICHE DI PREPARAZIONE DEI CAMPIONI. Verranno affrontate le procedure di trattamento in laboratorio dei materiali campionati atte a rendere possibile e facilitare l’attività di studio scientifico, nello specifico: a) le procedure di preparazione di sezioni trasversali di geomateriali inorganici, sia sottili che spesse, lucidate e non, per analisi microstrutturali e microchimiche; b) le procedure di riduzione di taglia, macinazione e micronizzazione dei materiali per l’esecuzione di analisi mineralogiche e spettroscopiche;
- TECNICHE DI ANALISI ARCHEOMETRICA. Verranno affrontate in dettaglio, sia dal punto di vista teorico che pratico, le seguenti tecniche analitiche: a) microscopia ottica a luce riflessa e trasmessa (RL-OM, TL-OM); b) diffrazione ai raggi X delle polveri (XRPD); c) microscopia elettronica a scansione e microanalisi X a dispersione di energia (SEM-EDS). Inoltre, verranno effettuati cenni a tecniche complementari di indagine spettroscopica quali spettroscopia micro-Raman, fluorescenza X e risonanza magnetica nucleare (NMR).
- TECNICHE DI ANALISI DEI DATI SCIENTIFICI. Verranno affrontate tramite attività pratica le principali procedure per l’analisi dei dati scientifici acquisiti tramite le tecniche precedentemente citate, con particolare attenzione all’analisi qualitativa e semiquantitativa dei pattern XRPD e degli spettri EDS, all’analisi di immagine delle microimmagini ottenute mediante microscopia ottica ed elettronica e al trattamento statistico dei dati sperimentali.
- INTERPRETAZIONE DEI DATI ARCHEOMETRICI. Si affronteranno i processi logici necessari per interpretare i dati scientifici acquisiti nell’ottica della domanda storico-archeologica iniziale dalla quale è scaturita la campagna di analisi.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: A fronte di un numero ridotto di ore frontali di introduzione teorica ai concetti scientifici di base e alle tematiche che verranno progressivamente affrontate, ampio spazio verrà dato alle attività pratiche di laboratorio, che verranno effettuate presso i laboratori di competenza. Inoltre, qualora risultasse possibile, verranno effettuate uscite presso siti di interesse per affrontare le problematiche relative all’attività di indagine in situ. Per tale motivo, la frequenza è vivamente consigliata.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: La bibliografia d'esame, i testi e i powerpoint presentati a lezione saranno disponibili nella pagina Moodle del Corso, insieme a materiale bibliografico aggiuntivo utile a chi volesse approfondire gli argomenti trattati.
Testi di riferimento:
  • Artioli, Gilberto; Angelini, Ivana, Scientific methods and cultural heritagean introduction to the application of materials science to archaeometry and conservative scienceGilberto Artioliwith contributions from I. Angelini, ...[et al.]. Oxford: University press, --. Cerca nel catalogo
  • Pecchioni, Elena; Cantisani, Emma, <<Le >>malte antiche e modernetra tradizione e innovazioneElena Pecchioni, Fabio Fratini, Emma Cantisani. Bologna: Patron, 2018. Cerca nel catalogo