Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
SCIENZE POLITICHE
Insegnamento
STORIA DELLE DOTTRINE POLITICHE
SP11108584, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SCIENZE POLITICHE
EP2448, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF POLITICAL DOCTRINE
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARTA FERRONATO SPS/02

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE discipline storico-politiche SPS/02 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 65 160.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Si presuppone una conoscenza di base della storia, quale acquisita nel percorso di studi precedente.
Conoscenze e abilita' da acquisire: a. Conoscenza delle principali correnti della storia pensiero politico occidentale e degli autori inclusi nel programma. Si tratta delle nozioni fondamentali relative ad autori e temi che hanno concorso a formare la tradizione politica europea.
b. Capacità di presentare la biografia e le dottrine dei singoli pensatori, collocati nel contesto storico di riferimento, argomentando criticamente.
c. Padronanza del lessico e dei concetti-base della disciplina.
d. Capacità di adoperare le conoscenze acquisite per comprendere il tempo presente.
Lo studio dell’articolata, pluralistica e internamente conflittuale tradizione del pensiero politico occidentale consentirà agli studenti di sviluppare capacità di analisi e di interpretazione critica degli scenari politici nazionali e internazionali, anche nella prospettiva di rendere più informato e nei limiti del possibile oggettivo il giudizio sulla realtà contemporanea.
Modalita' di esame: La prova d'esame consiste in un colloquio orale individuale della durata di circa 20 minuti: al candidato verrà richiesto di presentare il pensiero di uno o più autori previsti nel programmma, collocandolo adeguatamente nel contesto storico di riferimento. Saranno proposte, altresì, domande volte a saggiare l'apprendimento e la comprensione di nozioni e concetti puntuali.
Criteri di valutazione: La valutazione è espressa in trentesimi, in un intervallo di punti tra 18 e 30.
Sarà apprezzata la capacità di presentare diffusamente, analiticamente e criticamente le dottrine degli autori e delle correnti in programma.
Trattandosi di un insegnamento che fornisce conoscenze di base, lo studente dovrà dar conto di conoscere, almeno nelle linee fondamentali, il pensiero dei maggiori pensatori politici inclusi nel programma, sui quali viene interrogato: ciò significa che per raggiungere la sufficienza (18/30) è necessario raggiungere la sufficienza in tutte le risposte alle domande proposte (ad esempio: se il candidato non è in grado di spiegare chi fosse Tocqueville e quali fossero state le linee fondamentali del suo pensiero politico, verrà invitato a presentarsi all'appello successivo).
Non viene considerata superata la prova in cui lo studente non conosca almeno sufficientemente i principali autori.
Contenuti: La storia delle dottrine politiche si occupa delle riflessioni condotte nel passato da vari pensatori intorno ai problemi sollevati dalla vita dell'uomo in società, e assume come suo problema primario il potere politico; essa ha, quindi, un carattere diacronico.
Costituiscono oggetto dell'insegnamento le correnti e gli autori più significativi della storia del pensiero politico, muovendo dalle origini della riflessione sulla vita politica presso gli antichi greci fino alla seconda metà del secolo XIX. Dopo un'introduzione volta a chiarire lo statuto della disciplina, i principali autori, le correnti e i temi trattati a lezione saranno, tra gli altri: Platone; Aristotele; cristianesimo e politica; Agostino d’Ippona; Tommaso d’Aquino; Marsilio da Padova; Th. More; Machiavelli; Bodin; il pensiero politico della riforma protestante; Hobbes, Locke; Rousseau; Montesquieu; Kant; Rosmini; Tocqueville; Proudhon; Marx; Weber.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso si svolge secondo la modalità tradizionale: lezioni frontali supportate ora da lettura e analisi di brani antologici, ora da presentazioni multimediali. Sono previsti momenti di discussione in aula. Sarà favorita la partecipazione attiva degli studenti, proponendo domande anche durante la lo svolgimento delle lezioni, per stimolare un apprendimento attivo.
Se possibile, saranno organizzate conferenze tenute da noti studiosi dei temi oggetto del corso.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Gli studenti che non frequenteranno le lezioni del corso prepareranno il programma sui manuali inclusi nella sezione "testi di riferimento", secondo le parti e i capitoli indicati.

Tutti gli studenti, oltre al volume di Chevallier, faranno riferimento a uno dei manuali indicati: D'Addio oppure Bassani-Mingardi.

Ogni studente, inoltre, leggerà una a scelta tra le seguenti opere:
1. Platone, "La Repubblica", Roma-Bari, Laterza, 2011;
2. Aristotele, "La Politica", Roma-Bari, Laterza, 2000;
3. N. Machiavelli, "Il Principe", Einaudi, Torino, 2013;
4. T. Hobbes, "De Cive", Roma, Editori Riuniti, 2016;
5. J. Locke, "Il secondo trattato sul Governo", Milano, Rizzoli, 1998;
6. J.-J. Rousseau, "Il contratto sociale", Roma-Bari, Laterza, 2000;
7. B. Constant, La libertà degli antichi, paragonata a quella dei moderni, Torino, Einaudi, 2005 oppure B. Constant, Della libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni, Liberilibri, Macerata, 2001;
8. A. Rosmini, "La Costituzione secondo la giustizia sociale. Sull'Unità d'Italia", Sodalitas, Stresa, 2012.
9. M. Weber, La scienza come professione. La politica come professione, Mondadori, Milano 2006.
Testi di riferimento:
  • Bassani, Luigi Marco; Mingardi, Alberto, Dalla polis allo Stato. Introduzione alla storia del pensiero politico. Torino: Giappichelli, 2017. Cerca nel catalogo
  • Chevallier, Jean Jacques, <<Le>> grandi opere del pensiero politico. Bologna: Il Mulino, 2009. Cerca nel catalogo
  • D'Addio, Mario, Storia delle dottrine politiche. Genova: ECIG, 2002. I seguenti capitoli: 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 (da p. 109), 10, 11, 13, 15, 17, 18, 26, 27, 28, 30, 31. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Interactive lecturing
  • Questioning
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Istruzione di qualita' Pace, giustizia e istituzioni forti